NO VAX, incidenti a Roma e Milano. Feriti e arresti nel corso della protesta contro il Green Pass, i manifestanti assaltano la sede della Cgil, tra loro i neofascisti di Forza Nuova

Migliaia di manifestanti «no vax» e «no Green Pass» hanno manifestato nelle città di Roma e Milano, con una parte di essi, che includeva gli estremisti di destra di Forza Nuova, si sono duramente scontrati le Forze dell’Ordine. Il bilancio è di quattro feriti nella capitale e quattro nel capoluogo lombardo, mentre complessivamente una decina sono i feriti.

A Roma è stata assaltata la sede nazionale della Cgil, un episodio inquietante che ha successivamente indotto il segretario generale di quel sindacato, Maurizio Landini, a parlare di «squadrismo fascista» e a invocare «un’assemblea generale per domani». Disordini in qualche modo previsti, con la formazione dell’estrema destra che aveva in precedenza annunciato di volersi «prendere la capitale».

Il sit-in, autorizzato dalla Questura in piazza del Popolo nel pomeriggio si è poi trasformato in un corteo non autorizzato, con una parte dei manifestanti che si è staccata tentando di entrare in via Veneto forzando il cordone di polizia. Alcune centinaia di manifestanti si sono poi dirette verso Palazzo Chigi, sede del Governo della Repubblica. Molti avevano il volto e sventolavano bandiere tricolore. A via del Tritone sono stati lanciati alcuni candelotti fumogeni, la polizia ha risposto con il lancio di lacrimogeni e ha azionato gli idranti dei blindati al fine di disperdere la folla ed evitare ulteriori incidenti. In risposta gli estremisti hanno lanciato contro di loro petardi e bombe carta.

Due dei manifestanti sostengono di essere stati «investiti da un blindato delle Forze dell’Ordine», ma la Questura nega l’episodio.

Condividi: