MATTEOTTI, vandalizzato monumento alla Quartarella di Riano. Corbucci e Callini (PD): «Al vandalismo fascista si risponde con la cultura della memoria»

Roma, 18 giugno 2024 – «Stamattina sul monumento in via Flaminia, nel comune di Riano, che ricorda il luogo dove Giacomo Matteotti venne assassinato dai fascisti il 10 giugno del 1924, non solo è comparsa una scritta inneggiante al fascio, ma è stata vandalizzata anche la corona di fiori inviata dal Presidente della Repubblica in occasione del centenario dell’assassinio del parlamentare socialista». Questo quanto denunciato in una nota diffusa nel pomeriggio il presidente della Commissione Roma Capitale, statuto e innovazione tecnologica Riccardo Corbucci e la consigliera del Primo Municipio Giulia Callini. «Condanniamo fermamente questo gesto – hanno essi aggiunto -, che oltraggia la memoria di un grande politico italiano che ha pagato con la vita la difesa della libertà e dei principi della democrazia. Episodio tra l’altro non isolato, perché soltanto alcuni giorni fa vi era stato un altro atto di vandalismo, il terzo in due mesi, stavolta al cimitero Flaminio a Prima Porta, dove era stata danneggiata la tomba del segretario del Partito comunista italiano Enrico Berlinguer. Per contrastare questi pericolosi rigurgiti fascisti e stroncare sul nascere i venti dell’estremismo fascista è fondamentale tenere viva la memoria, per questo domani, mercoledì 19 giugno alle ore 20:30, nella sede dell’Associazione “La Roma che Vorrei” in via del Monte della Farina n.61, abbiamo promosso la presentazione del libro “Giacomo Matteotti. L’Italia migliore”, scritto dal deputato democratico Federico Fornaro, che interloquirà sulla figura di Matteotti insieme all’assessore alla cultura di Roma Capitale Miguel Gotor e alla giornalista Mara Azzarelli».

Condividi: