AMBIENTE, siccità. Allarme Onu: «Umanità di fronte a un bivio»

L’umanità si trova difronte a un bivio per quanto concerne la gestione del problema della siccità e, secondo gli esperti dell’Onu, si rende necessario intervenire per farvi fronte «urgentemente e utilizzando ogni strumento possibile». È quanto emerso dall’ultimo rapporto redatto dalla United Nations Convention to Combat Desertification (UNCCD), intitolato “Drought in Numbers, 2022” e reso noto in occasione della Giornata della siccità alla XV Conferenza delle parti dell’UNCCD (COP15) ad Abidjan, in  Costa d’Avorio. Il rapporto si propone di offrire maggiore consapevolezza sul problema a livello globale, questo in vista dei negoziati relativi alle scelte che i 196 Stati membri dell’UNCCD dovranno prendere il 20 maggio al termine della COP15. Ibrahim Thiaw, segretario esecutivo dell’UNCCD ha altresì dichiarato: «I fatti e le cifre vanno tutti nella medesima direzione: una traiettoria ascendente nella durata della siccità e nella gravità degli impatti, che non colpisce solo le società umane ma anche i sistemi ecologici da cui dipende la sopravvivenza di tutta la vita sul globo, compresa quella della nostra stessa specie». Dall’inizio del secolo il numero e la durata delle siccità sono aumentati del 29%, mentre nel mondo  1970 al 2019 gli eventi meteorologici, climatici e idrici hanno provocato il 50% dei disastri causando il 45% dei decessi da essi conseguenti, principalmente nei paesi in via di sviluppo.

Condividi: