A400 – TECNOLOGIA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E AUTOMAZIONE: fin dove condurrà la sostituzione degli esseri umani con le macchine? Degli orizzonti del progresso tecnologico e dei suoi risvolti (a volte inquietanti) a insidertrend.it ne discutono un ingegnere e un giurista, FRANCO SCOLARI (presidente e amministratore delegato del Distretto Tecnologico Alto Adriatico) e ROBERTO DE VITA (avvocato e docente, presidente dell’Osservatorio Eurispes sulla cybersecurity e insegnante di Sicurezza delle nuove tecnologie presso la Guardia di Finanza).

audio
CategoriaDiritti umani
Data

A400 – TECNOLOGIA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E AUTOMAZIONE: fin dove condurrà la sostituzione degli esseri umani con le macchine? Degli orizzonti del progresso tecnologico e dei suoi risvolti (a volte inquietanti) a insidertrend.it ne discutono un ingegnere e un giurista, FRANCO SCOLARI (presidente e amministratore delegato del Distretto Tecnologico Alto Adriatico) e ROBERTO DE VITA (avvocato e docente, presidente dell’Osservatorio Eurispes sulla cybersecurity e insegnante di Sicurezza delle nuove tecnologie presso la Guardia di Finanza).

Dal punto di vista delle ricadute giuridiche il tema, oltre a rivestire complessità, ha anche una pluralità di declinazioni. Ma, più che guardare all’aspetto  immediato e percettibile, cioè la responsabilità della responsabilità in ordine all’operatività delle decisioni o delle esecuzioni della macchina, è forse più importante riflettere prima su un aspetto determinante, che è quello di ritenere possibile una sostituzione dell’essere umano con la macchina.

Dal punto di vista tecnologico e tecnico già oggi sono superate delle barriere concettuali che in precedenza non si ritenevano superabili. Dal punto di vista giuridico bisogna invece comprendere se vi è una compatibilità tra il sistema di valori e delle regole costituzionali e l’accettazione del fatto che una macchina, non tanto nell’ambito della esecuzione automatica di procedure definite, quanto nella possibilità che essa vada a operare in autonomia, assumere delle scelte che possano avere un impatto concreto sulla vita (intesa anche in senso biologico) o sulle relazioni sociali degli esseri umani. Questo è il tema che si pone a monte di ogni riflessione.

Di chi sono i dati? Quali sono e quali potranno essere nel prossimo futuro le relazioni intercorrenti tra gli Stati e l’intelligenza artificiale? Si tratta di tematiche attinenti alle sfere giuridica e delle relazioni internazionali, non sono frontiere di natura tecnico-tecnologica. (16 dicembre 2021)