A341 – ECONOMIA, G7 IN CORNOVAGLIA: UN BILANCIO TRA GLI SQUILIBRI DEL FORMATO DEL VERTICE. Far sì che le democrazie facciano quadrato contro Cina e Russia, questo l’intendimento di Washington, tornata prepotentemente al centro della scena internazionale con la presidenza Biden, che ha archiviato la parentesi isolazionista dell’era Trump. Tuttavia, quello che ha avuto luogo nei giorni scorsi in Cornovaglia è stato principalmente un «summit dei vaccini», dove il principale argomento in agenda è stato il contrasto della pandemia da coronavirus in atto. Secondo il professor MARIO BALDASSARRI «Il G7, in generale, rappresenta oggi soltanto un miliardo e dieci milioni di abitanti della Terra (cioè quelli di Usa, Canada, Regno Unito, Giappone, Francia, Germania e Italia),

audio
CategoriaEconomia
Data

A341 – ECONOMIA, G7 IN CORNOVAGLIA: UN BILANCIO TRA GLI SQUILIBRI DEL FORMATO DEL VERTICE. Far sì che le democrazie facciano quadrato contro Cina e Russia, questo l’intendimento di Washington, tornata prepotentemente al centro della scena internazionale con la presidenza Biden, che ha archiviato la parentesi isolazionista dell’era Trump.

Tuttavia, quello che ha avuto luogo nei giorni scorsi in Cornovaglia è stato principalmente un «summit dei vaccini», dove il principale argomento in agenda è stato il contrasto della pandemia da coronavirus in atto.

Secondo il professor MARIO BALDASSARRI «Il G7, in generale, rappresenta oggi soltanto un miliardo e dieci milioni di abitanti della Terra (cioè quelli di Usa, Canada, Regno Unito, Giappone, Francia, Germania e Italia), mentre ne restano esclusi sette miliardi e ottocento milioni del resto del Mondo (Asia, Africa, America latina e Oceania). Secondo il professor Mario Baldassarri – economista intervenuto come di consueto alla trasmissione di radio Radicale “Capire per Conoscere” – si tratta «del vecchio modo del XX secolo di governare il mondo, perché se non verranno coinvolti nei processi decisionali di un “governo globale” almeno i ⅔ degli altri abitanti del mondo, sarà difficile che il G7 riesca poi a imporre le proprie decisioni al resto della popolazione mondiale».

Questo G7 poi, in particolare, ha riportato gli Stati Uniti di Biden verso il multilateralismo, oltreché al consolidamento dell’asse atlantico tra Washington e l’Europa, ma non ha visto gli europei allinearsi e mettere in pratica la strategia di isolamento della Repubblica Popolare cinese che invece la Casa Bianca avrebbe voluto. Molti i distinguo, infatti, all’interno dell’Unione europea.

L’economista, già viceministro della Repubblica e attualmente presidente del Centro studi economia reale, è intervenuto a “Capire per conoscere”, trasmissione di approfondimento condotta dal giornalista CLAUDIO LANDI, andata in onda sulle frequenze di Radio Radicale lunedì 14 giugno 2021.