SICUREZZA, anniversari. La Guardia di Finanza celebra i suoi 248 di attività al servizio del Paese

Nella mattinata di domani, mercoledì 22 giugno, verrà divulgato il riepilogativo dei risultati di servizio conseguiti dal Corpo a partire dal° gennaio 2021 fino al 31 maggio 2022 e, a partire dalle ore 18.30 si svolgeranno i festeggiamenti con l’inizio della tradizionale cerimonia militare organizzata presso la struttura polifunzionale del Centro logistico di Villa Spada



Stamane le prime celebrazioni hanno avuto luogo a partire dalle nove nella capitale, quando il comandante generale e il presidente dell’Associazione nazionale Finanzieri d’Italia (ANFI), hanno deposto una corona di alloro al monumento al Finanziere in Largo XXI Aprile, di fronte alla caserma Piave. In seguito, l’Autorità di vertice del Corpo, il comandante in seconda, il capo di stato maggiore, il sottocapo di stato maggiore del Comando generale hanno reso omaggio al sacrario alla memoria dei caduti del Corpo, nell’adiacente caserma Sante Laria in Piazza Armellini. Alle ore undici il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto in udienza il comandante generale, generale Zanfarana, che nell’occasione è stato accompagnato da una rappresentanza di personale e allievi degli istituti di formazione.

EVENTI CELEBRATIVI IN PROGRAMMA DOMANI

Nella mattinata di domani, mercoledì 22 giugno, verrà divulgato il riepilogativo dei risultati di servizio conseguiti dal Corpo a partire dal° gennaio 2021 fino al 31 maggio 2022 e, a partire dalle ore 18.30 si svolgeranno i festeggiamenti con l’inizio della tradizionale cerimonia militare organizzata presso la struttura polifunzionale del Centro logistico di Villa Spada. Tra le Autorità della Repubblica che presenzieranno all’evento il presidente del Senato e il ministro dell’Economia e delle Finanze. Per tutta la giornata di oggi e sino alle tre del pomeriggio di domani, gli allievi della Scuola ispettori e sovrintendenti monteranno la guardia all’Altare della Patria, mentre i cadetti dell’Accademia lo faranno al Quirinale.

Condividi: