NIGERIA, Covid-19. Emergenza pandemia: il Fmi stanzia 3,4 miliardi di dollari di aiuti

l’erogazione di fondi contribuirà a sostenere gli sforzi delle autorità nigeriane nel far fronte al grave impatto economico causato dalla diffusione dei contagi e dal drastico calo dei prezzi petroliferi sui mercati internazionali

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha approvato un pacchetto di aiuti d’emergenza del valore di 3,4 miliardi di dollari a favore della Nigeria.

A darne notizia è stata la stessa istituzione finanziaria, precisando che l’erogazione di fondi contribuirà a sostenere gli sforzi delle autorità nigeriane nel far fronte al grave impatto economico causato dalla diffusione della pandemia da Covid-19 e dal drastico calo dei prezzi petroliferi sui mercati internazionali.

Secondo il settimanale specializzato “Africa e Affari”, questo aiuto aiuterà il popoloso Paese africano a limitare il declino delle proprie riserve internazionali e a finanziare aumenti temporanei della spesa per sostenere le misure di aiuto a imprese e famiglie previste dal governo.

«Una volta superata la crisi legata al coronavirus – ha affermato il vicedirettore generale del Fmi Mitsuhiro Furusawa -, l’attenzione rimarrà sulla stabilità macroeconomica a medio termine, con la prospettiva di un risanamento del bilancio basato sulle entrate per mantenere sostenibile il debito nigeriano e creare uno spazio fiscale per le spese prioritarie».

Egli ha poi aggiunto che: «Il Paese avrebbe bisogno di ulteriore assistenza da parte dei partner per lo sviluppo per colmare il grande divario finanziario e sottolineando l’importanza di adeguati accordi di governance e audit indipendenti per garantire che i fondi di emergenza vengano utilizzati come previsto».

Il pacchetto di aiuti approvato a favore della Nigeria rappresenta il più consistente sinora concesso dall’organizzazione finanziaria dall’inizio della crisi causata dal coronavirus.

Condividi: